È stata un’emozione incredibile vedere quante persone, ieri pomeriggio, hanno voluto partecipare all’inaugurazione della sede elettorale del candidato a sindaco Emanuele Pepa, aperta in via Cavour, in pieno centro storico a Recanati”. Davvero impressionante il numero dei recanatesi, fra cui tante giovani famiglie, che hanno affollato, per tutto il pomeriggio sino a tarda sera, la sede riversandosi anche sulla strada per ascoltare, confrontarsi e condividere le idee e i progetti. Era stato predisposto anche un “libro dei sogni” dove in molti hanno voluto scrivere il loro suggerimento perché Recanati possa essere sempre più bella, accogliente e generosa.

Presenti, insieme al candidato sindaco Emanuele Pepa, tutti i responsabili locali e provinciali delle sei liste che compongono la coalizione (Fratelli d’Italia, Forza Italia-Noi moderati, Lega, UdC-Costituente Popolare, Per una Recanati migliore e In Comune) e non ha voluto, neanche ieri, far mancare il suo pieno sostegno il Presidente della Regione, Francesco Acquaroli, che è intervenuto in video-conferenza. Presenti anche la senatrice Elena Leonardi e l’amico di sempre, Luca Paolorossi, che, come Pepa, da imprenditore ha scelto di condividere l’impegno a favore della sua città, Filottrano, candidandosi anche lui alla carica di sindaco. Con loro tanti imprenditori del territorio e sportivi, fra cui il presidente della Recanatese Adolfo Guzzini accompagnato dall’allenatore della squadra Giacomo Filippi e da alcuni calciatori della squadra che milita in serie C a cui faccio gli auguri migliori perché possano continuare a farci sognare.

Una festa all’insegna della passione e dell’entusiasmo dove la parola d’ordine è stata quella del confronto, della partecipazione diretta, dove Pepa ha ribadito che “questo sarà il mio modo di fare il sindaco di questa splendida città: a viso aperto, senza paura delle critiche, ma anzi con il piacere di lavorare insieme con una particolare attenzione ai giovani, alla scuola, all’ambiente e al potenziamento dei servizi a partire da quelli della sanità e a favore della famiglia.

Un plauso va alle Forze dell’ordine, Carabinieri, Polizia Urbana, Vigili del Fuoco e soprattutto ai tanti volontari della Protezione Civile di Recanati che per tutta la giornata di ieri sono stati impegnati nella ricerca del giovane scomparso, per fortuna ritrovato sano e salvo. Un abbraccio affettuoso alla sua famiglia.

Plaudo anche all’iniziativa “SvicolaRecanati”, passeggiata solidale organizzata ieri pomeriggio dalla Consulta della Solidarietà, dedicata alla cura delle persone malate e bisognose: Recanati è, e deve continuare ad essere, una città vicina a chi si trova in difficoltà, che sa accogliere, aiutare, e per fortuna c’è una grande sensibilità su questi temi e tante persone di buona volontà che generosamente s’impegnano quotidianamente. Peccato, però, che Recanati, che della cultura fa il suo vanto, è una città che ha una lunga, lunghissima lista d’attesa per un posto alla casa di riposo, ha numerose barriere architettoniche che rende difficile, per chi non è autonomo, fare una passeggiata, ha carenza di servizi di assistenza scolastica e domiciliare, anche estiva, e certi tragici avvenimenti purtroppo ce lo ricordano.

Noi cambieremo prospettiva, questa è la mia promessa e quella della coalizione intera che mi sostiene e che ringrazio per il loro impegno quotidiano”.

Recanati, lì 15 aprile 2024

Emanuele Pepa, Adolfo Guzzini e l’allenatore della Recanatese Giacomo Filippi

Emanuele Pepa con Luca Paolorossi davanti al “libro dei sogni”